Crea sito

Rumours: fallimento Rubin Kazan. Azmoun libero?

Mentre molti festeggiavano un caloroso Natale, in Russia pioveva una doccia fredda più del solito: il Rubin Kazan sarebbe sull’orlo del fallimento. Una situazione che potrebbe portare al trasferimento di Sardar Azmoun, già cercato dalla Lazio.

Crisi finanziaria

A inizio dicembre 2017 gli inglesi del Telegraph avevano pubblicato la notizia che il club russo non stesse pagando da 4 mesi gli stipendi dei propri giocatori, per un totale di circa 10 milioni di sterline (quasi 9 milioni di Euro). Inoltre, secondo i media russi, la squadra avrebbe anche un debito di 2 miliardi di rubli, frutto di prestiti (all’incirca 29 milioni di Euro).

Come Fiorentina e Parma

In caso di insolvenza il Rubin Kazan potrebbe essere messo in liquidazione, cercando di mantenere il proprio posto in campionato con la costituzione di una nuova società, subordinata all’autorizzazione della Lega Calcio Russa. Un’operazione simile a quelle che abbiamo visto in Italia (Fiorentina, Parma), ma che potrebbe portare all’abbandono di molti giocatori.

Infatti non bisogna dimenticare che l’allenatore Kurban Berdyev aveva portato con sé in blocco dal Rostov diverse pedine: Azmoun, Cesar Navas, Kudryashov, Granat, Dzhanaev. Che potrebbero rifiutare di rimanere a Kazan in caso di fallimento.

Azmoun via a gennaio?
Il talento iraniano Sardar Azmoun
Il talento iraniano Sardar Azmoun interessa diversi club europei

Dopo aver fatto sognare i tifosi del Rostov nella scorsa Champions League, Sardar Azmoun è tornato a Kazan dove però ha deluso in questa prima parte di stagione. Impiegato spesso come sostituto, ha segnato una sola rete in 20 partite. Un rendimento completamente diverso rispetto ai goal che hanno trascinato il Team Melli alla qualificazione alla Coppa del Mondo.

Il suo nome potrebbe essere il primo della lista dei trasferimenti, dato che il Rubin ha necessità di fare cassa ed evitare il fallimento. Del resto il contratto dell’iraniano termina alla fine di questa stagione. Per adesso nega tutto Azmoun padre: «Non ho notizia di una crisi del club, Sardar non è un giocatore libero».

Tempi stretti

In questi giorni il Rubin Kazan sceglierà la soluzione più adatta per rimanere nella Premier League Russa. La decisione spetterà al TAIF, la società Tataro-Americana di Investimenti e Finanza. Il comitato esecutivo è presieduto da Rustam Minnikhanov, che è anche Presidente della Repubblica del Tataristan, facente parte della Federazione Russa.

Il campionato russo riprenderà il 2 marzo 2018.

Pubblicato da Saman Javadi

Blogger italo-iraniano, tifoso di Juventus ed Esteghlal Tehran. Ama l'Iran e l'Italia dalla Storia alla cucina, e ne parla entrambe le lingue