Crea sito

L’arbitro Faghani lascia l’Iran. Destinazione Australia

Sembravano solo voci, ma alla fine è arrivata la conferma ufficiale: l’arbitro Alireza Faghani lascia l’Iran, con destinazione l’Australia. La Persian Gulf Pro League si priva del suo miglior direttore di gara, come è stato riconosciuto durante le premiazioni per la scorsa stagione.

Alireza Faghani è il primo arbitro iraniano ad aver diretto in un Mondiale, precisamente a Russia 2018: in quell’occasione aveva ricevuto l’apprezzamento del presidente della Commissione arbitri FIFA Pierluigi Collina. E proprio con quest’ultimo, Faghani aveva discusso della possibilità di introdurre il VAR in Iran.

Alireza Faghani, arbitro iraniano
Alireza Faghani, primo arbitro iraniano a dirigere in un Mondiale

Chi è Alireza Faghani

Nato nel 1978, figlio di un arbitro, in un primo momento aveva scelto il calcio giocato. In seguito ha iniziato a dirigere in patria, entrando a soli trent’anni nella lista internazionale della FIFA. Selezionato per i Mondiali di Brasile 2014, è stato il quarto uomo della partita inaugurale Brasile-Croazia.

In Iran è stato scelto in diverse occasioni per il Shahravard, ovvero l’incandescente derby di Tehran. Il 1° marzo 2018 ha diretto il derby della capitale iraniana in presenza del Presidente della FIFA Gianni Infantino, e del Amministratore delegato dell’Ufficio Sviluppo tecnico della FIFA, Marco Van Basten.

Nei Mondiali di Russia 2018 ha diretto ben quattro gare: Germania-Messico e Serbia-Brasile nella fase a gironi; l’incandescente ottavo di finale Francia-Argentina; e infine la finalina per il 3° posto Belgio-Inghilterra.

Nel suo curriculum vanta l’arbitraggio di diverse finali: Champions League Asiatica 2014, Coppa d’Asia 2015, Mondiale per Club 2015, Olimpiadi di Rio 2016.

Faghani lascia l’Iran

La motivazione ufficiale della scelta di Faghani sarebbe la volontà di stare vicino al figlio, trasferitosi in Australia per gli studi universitari. Ma è ragionevole pensare che l’arbitro iraniano abbia deciso di allontanarsi anche per il clima pesante vissuto in patria: violenza negli stadi; insulti e minacce ai direttori di gara; l’antipatia da parte dei media locali.

Adesso rimarrà da capire se Faghani proseguirà la propria carriera arbitrando in A-League, e soprattutto sotto quale federazione verrà considerato nelle gare internazionali.

Pubblicato da Saman Javadi

Blogger italo-iraniano, tifoso di Juventus ed Esteghlal Tehran. Ama l'Iran e l'Italia dalla Storia alla cucina, e ne parla entrambe le lingue