Crea sito

Ali Karimi lascia la Dinamo Zagabria

Ali Karimi ha rescisso il proprio contratto con la Dinamo Zagabria, diventando un giocatore libero. Classe 1994, non va confuso con il suo omonimo più famoso (e più anziano, del 1978) che aveva militato nel Bayern Monaco e che era stato soprannominato Maradona d’Asia.

Ali Karimi (classe 1994)
Ali Karimi, centrocampista classe 1994

Il centrocampista iraniano aveva firmato per la squadra croata nell’agosto 2016, fortemente voluto dall’allora tecnico Zlatko Kranjcar – suo allenatore nel Sepahan Esfahan in Persian Gulf Pro League – che lo fece inserire nella lista UEFA per la Champions League. Dopo l’avvio di stagione deludente, Kranjcar veniva sostituito prima dal proprio vice Sopic (esordio con sconfitta casalinga 0-4 contro la Juve in Champions League) e poi dal bulgaro Petev. Conseguentemente Ali Karimi, alla sua prima esperienza europea, venne relegato tra le riserve e disputò con la maglia della Dinamo un solo match di Prva Liga e due di coppa. Pur venendo convocato per le gare di Champions League, rimase sempre in tribuna.

Nella finestra di mercato invernale della scorsa stagione è passato in prestito alla Lokomotiva Zagabria, con la quale è sceso in campo otto volte nella massima divisione croata segnando una rete contro l’Istra. Nonostante le difficoltà ad ambientarsi in Croazia, il CT Carlos Queiroz lo ha regolarmente convocato in nazionale per le qualificazioni ai Mondiali di Russia 2018, tra le quali la gara vittoriosa contro l’Uzbekistan che ha matematicamente qualificato l’Iran: qui Karimi è partito titolare giocando tutti i 90 minuti.

Come dichiarato dal suo agente, l’obiettivo di Ali Karimi è di rimanere in Europa e trovare una nuova squadra entro la fine del calciomercato estivo: sulle sue tracce ci sarebbero già diversi club croati, ma non è da escludere che possa cambiare paese. Nonostante dall’Iran lo stia cercando con insistenza il club che lo ha lanciato, il Sepahan di Esfahan, dove è tornato in panchina proprio il croato Kranjcar.

Pubblicato da Saman Javadi

Blogger italo-iraniano, tifoso di Juventus ed Esteghlal Tehran. Ama l'Iran e l'Italia dalla Storia alla cucina, e ne parla entrambe le lingue